danza persiana tradizionale
Cultura,  Social Media

Ballare in pubblico (video)

La passione dei persiani per il ballo ha origini storiche molto antiche ma dopo la rivoluzione del 1979, che portò alla nascita della Repubblica Islamica, la danza venne proibita in quanto ritenuta un’attività perversa e peccaminosa : alcuni ballerini professionisti smisero di ballare, altri scelsero di continuare nel mondo underground, altri ancora emigrarono.

Nonostante il ballo sia sparito dalla scena pubblica negli anni ’80, a partire da metà degli anni ’90 alcuni balli tradizionali, eseguiti solo da uomini, sono stati nuovamente proposti in teatri ed in televisione. Ovviamente la danza non è però scomparsa dalla vita quotidiana delle persone : si è continuato a ballare, nonostante i divieti, nelle feste private o in occasione dei matrimoni.

Teheran, dicembre 2018 : un ragazzo ed una ragazza (senza velo) ballano in un luogo pubblico. Il video è divenuto virale su Instagram (credit @tavaana) totalizzando oltre un milione di visualizzazioni

Ad oggi, ballare in sé non è un crimine secondo il codice penale iraniano, ma la legge è piuttosto vaga : commettere un atto “indecente” in pubblico è un reato ed il ballo, soprattutto per le donne, può essere interpretato come tale e quindi essere punito. Di fatto, la danza (tradizionale) può essere praticata legalmente solo da uomini su un palco o in occasioni pubbliche.

In assenza di locali da ballo o discoteche di qualsiasi tipo, le feste private in Iran rappresentano l’unica opportunità in cui le persone possono ballare e socializzare liberamente, anche se in tal modo stanno tecnicamente infrangendo la legge.

Anche usare le piattaforme social per “diffondere ed incoraggiare l’indecenza” è un’attività sanzionata penalmente : ciò nonostante sempre più spesso vengono pubblicati su Instagram video in cui ragazzi e soprattutto ragazze danzano in pubblico sfidando i divieti.

Ballare in pubblico : in Iran è vietato ma questa ragazza di Teheran ha sfidato il divieto
(Credit : mohsen_e_shams su Instagram)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *