• Cultura,  Notizie

    Capodanno persiano: buon 1399

    Oggi è il primo giorno del nuovo anno persiano : questa mattina alle 4.49 siamo entrati nel 1399, secondo il calendario in uso in Iran.. Il capodanno persiano si chiama Nowruz e ricorre in concomitanza con l’equinozio che segna l’inizio della primavera. Viene celebrato da oltre 3 mila anni, trattandosi di una tradizione di origine pre-islamica ancora oggi molto sentita. Il consueto clima di festa che caratterizza questo giorno è stato purtroppo minato dalla drammatica situazione sanitaria che l’Iran -come l’Italia- sta vivendo: molti sono comunque usciti per fare acquisti o incontrare parenti e amici, ma la maggiorparte degli iraniani sta trascorrendo questo periodo chiusa in casa. Pubblichiamo questa bella…

  • Cartoline Persiane,  Destinazioni,  Viaggi

    Hammam Mirza Reza a Yazd

    Passeggiando per i vicoli del centro storico di Yazd, l’antica città dell’Iran meridionale oggi Patrimonio dell’Umanità UNESCO, puo’ capitare di imbattersi nello storico hammam di Mirza Reza : l’ingresso è abbastanza anonino ma basta scendere le scale per scoprire uno dei pochi bagni tradizionali rimasti attivi in Iran. Situato a poca distanza dalla Grande Moschea del Venerdi e dalla prigione di Alessandro, questo hammam risale ad oltre 700 anni fa (1256-1335 d.C.). Nel mondo islamico, l’hammam è il complesso termale presso il quale i musulmani adempiono ai lavaggi rituali indispensabili prima della preghiera. L’hammam ha sin dalle origini acquisito – come in ambito romano antico e bizantino – una precisa…

  • Cultura,  Fotografia,  Notizie

    Zafferano, l’oro rosso

    Lo zafferano iraniano – noto come “oro rosso” – è un ingrediente magico nella cultura persiana : viene utilizzato sia in cucina per realizzare piatti tradizionali e dolci, sia in ambito erboristico. Si tratta di uno degli alimenti più costosi al mondo e cresce in pochissime zone del pianeta. Tra queste c‘è, appunto, la parte nordorientale dell’Iran, paese che rappresenta oltre il 90% della produzione mondiale. Colti all’alba quando i bulbi non ancora scaldati dal sole sono più pesanti, i fiori di zafferano vengono venduti al mercato. Dopo la separazione steli e stigmi vengono fatti seccare e poi impacchettati per la vendita. Già in questa fase meno di mezzo chilo…

  • Cartoline Persiane,  Destinazioni,  Fotografia,  Viaggi

    Il villaggio di Masuleh

    Masuleh è un pittoresco villaggio nella provincia di Gilan, Iran nord occidentale, costruito su un pendio roccioso dei monti Alborz a circa 1000 metri di altitudine. Si tratta di una località storica oggi divenuta destinazione turistica grazie alla splendida natura che la circonda ed alla caratteristica architettura “terrazzata” : i tetti delle case servono da aree pedonali e sostituiscono le strade; lo spazio calpestabile davanti alle case è di fatto il tetto delle abitazioni sottostanti. A causa di questa particolare struttura non è consentito l’accesso a nessun veicolo a motore : gli stretti vicoli e le molte scale – il villaggio è dislocato su un dislivello di oltre 100 metri…

  • Cartoline Persiane,  Destinazioni,  Fotografia,  Viaggi

    Julfa, il quartiere armeno di Isfahan

    All’inizio del XVII secolo, durante il conflitto in corso tra l’impero Persiano e quello Ottomano, lo Shah Abbas I trasferì circa 150.000 armeni dalla regione del Nakhichavan (oggi una enclave dell’Azerbaijan confinante con Armenia, Iran e Turchia) in Persia : ufficialmente per salvarli dalla persecuzione ottomana ma, secondo alcune fonti, anche per sfruttarne le abilità e le conoscenze nel commercio, soprattutto quello della seta. Per accogliere una parte dei nuovi arrivati, lo Shah fece costruire un quartiere subito fuori dell’allora capitale, aldilà del fiume Zayandè, che prese il nome di Jolfa, come l’antica città armena da cui provenivano. Abbas I consentì inoltre agli armeni di conservare la propria lingua e…

  • La piazza di Isfahan
    Cartoline Persiane,  Destinazioni,  Fotografia,  Viaggi

    Naqsh-e Jahàn, la piazza di Isfahan

    “Isfahan è la più grande e la più bella città di tutto l’Oriente, espressamente fatta per le delizie dell’amore” (Jean Chardin, scrittore francese di viaggio, XVII secolo) La piazza Naqsh-e Jahàn (“immagine del mondo”) è uno dei luoghi simbolo dell’Iran : costruita nel XVII secolo durante la dinastia Safavide, misura 560 metri di lunghezza per 160 metri di larghezza (per dare una idea, oltre 5 volte più estesa di Piazza del Duomo a Milano). Sulla piazza si affacciano alcuni capolavori dell’architettura persiana di epoca safavide : la moschea reale, la moschea Sheikh Lotfollah, il palazzo reale Ali Qapu e la porta di ingresso del Grand Bazaar, uno dei piu’ grandi…

  • Haft Sin
    Social Media

    Nowruz, il capodanno persiano (video)

    Oggi è il primo giorno del nuovo anno persiano (1398) ed inizia la primavera : ieri sera in Iran si è festeggiato quindi il capodanno secondo una antica tradizione di origine pre-islamica ancora oggi molto sentita. Nowruz (letteralmente “nuovo giorno”) è il giorno dell’equinozio di marzo e segna l’inizio della primavera nell’emisfero settentrionale. Questa data coincide quindi con il primo giorno del primo mese (Farvardin) del calendario iraniano. Due video pubblicati sui social iraniani ci raccontano attraverso immagini e musica l’atmosfera della vigilia di questa importante ricorrenza, il primo girato a Shiraz, il secondo a Teheran.